Leggenda

CONOSCI TE STESSO

Leggenda

Il Wing Chun Kung Fu fu fondato oltre 300 anni fa da Yim Wing Chun (“radiosa primavera” o “speranza per il futuro”) una giovane ragazza di grande bellezza ed intelligenza, nativa di Canton (provincia di Kwangtung) in Cina. Sua madre morì presto e suo padre, Yim Yee, ingiustamente accusato di un crimine, rischiava di essere condannato alla prigionia. Per questo entrambi fuggirono e, dopo aver viaggiato molto, alla fine si stabilirono ai piedi del Monte Tai Leung, in prossimità del confine tra le province dello Yunnan e dello Szechuan. Qui vivevano grazie ad una bottega in cui vendevano focacce fatte con farina di fagioli. Durante il regno dell’Imperatore K’anghsi della dinastia Ching (1662-1722) il Kung Fu aveva conosciuto un grandissimo sviluppo nel Monastero Buddista di Siu Lam (Shaolin) sul Monte Sung, nella provincia di Honan.

Questo destò preoccupazione nel governo dei Manchu allorquando questa dinastia di non-Cinesi provenienti dalla regione settentrionale della Manciuria si insediò al potere. Per sopprimere la potenziale minaccia che il Monastero rappresentava per il loro dominio, i Manchu inviarono le loro truppe a distruggerlo. Gli assalti si susseguirono ma non furono mai coronati da successo, in quanto i Monaci riuscivano sempre a respingere le truppe Manchu, nonostante queste fossero assai superiori nel numero. All’interno del tempio, però, viveva da qualche tempo un inserviente civile chiamato Chan Man Wai, il quale per ingraziarsi il nuovo governo decise di tradire il Monastero e propose un piano per espugnarlo agli assedianti. Nel complotto furono coinvolti anche Ma Ning Yee ed altri monaci di Siu Lam che si lasciarono convincere a tradire i propri compagni. Essi appiccarono il fuoco all’interno di tutti gli edifici del Monastero mentre i soldati attaccavano dall’esterno.

Fu così che Siu Lam fu raso al suolo, molti monaci e discepoli trovarono la morte, altri riuscirono a scappare, disperdendosi in diverse direzioni. Tra questi : la Badessa Ng Mui, l’Abate Chi Sin, l’Abate Pak Mei, il Maestro Fung To Tak ed il Maestro Miu Hin, che saranno ricordati come i Cinque Abili o I Cinque Antenati di Siu Lam. Ng Mui trovò rifugio nel Tempio della Gru Bianca (Bak Hok Tse) sul Monte Tai Leung (anche conosciuto come Monte Chai Har). Fu qui che incontrò Yim Yee e sua figlia Yim Wing Chun, dai quali spesso si fermava sulla via di casa per acquistare del cibo. La giovane Wing Chun aveva ora 15 anni, portava i capelli legati e raccolti sulla testa come era costume dell’epoca per le ragazze in età per prendere marito. La sua bellezza attirò l’attenzione di un prepotente locale che, poiché ripetutamente respinto, cercò di costringerla a sposarlo minacciando continuamente sia lei che suo padre. Quando un giorno essi raccontarono a Ng Mui l’angoscia e la paura in cui erano costretti a vivere a causa dell’arroganza di costui, la vecchia Monaca si impietosì e decise di aiutare i due. Ng Mui propose a Yim Wing Chun di seguirla sul monte Tai Leung, così da poterle insegnare le tecniche di combattimento del Kung Fu, grazie alle quali avrebbe potuto difendersi dalle violenze e dai soprusi. La ragazza si allenò per circa tre anni, giorno e notte, apprendendo l’elaborazione dello stile Siu Lam che aveva maturato Ng Mui dopo la distruzione del Monastero.

Durante la sua permanenza nel tempio Bak Hok Tse, presso il quale aveva appreso anche lo Stile della Gru Bianca (Bak Hok Kune), Ng Mui dedicò i suoi studi e tutti i suoi sforzi alla creazione di uno stile che, nascendo dallo stile Siu Lam, ne utilizzasse i punti deboli per batterlo. In questo modo coloro che divenivano esperti in questo stile avrebbero potuto sconfiggere i traditori, che avevano causato la distruzione del Monastero, e chiunque si fosse appropriato in maniera indebita delle tecniche Siu Lam. Ne nacque uno stile diretto e basato sull’economia di movimento, nel quale alla potenza fisica venivano preferite la fluidità e la rapidità delle tecniche. Dopo questo periodo di addestramento Yim Wing Chun fece ritorno al suo villaggio dove sfidò e sconfisse in combattimento il prepotente che l’aveva insidiata per tanto tempo. Ng Mui partì, riprendendo a viaggiare per la Cina, facendosi prima giurare da Yim Wing Chun che ella avrebbe sempre onorato e rispettato la tradizione del Kung Fu, che avrebbe sviluppato il suo stile anche dopo il matrimonio e che avrebbe aiutato tutti coloro che lottavano per rovesciare la Dinastia Manchu. In seguito Yim Wing Chun fu sfidata da molti Maestri, ma mai nessuno di essi fu in grado di sconfiggerla, al punto che ella giurò che avrebbe sposato l’uomo che un giorno sarebbe riuscito a batterla. Un giorno si presentò da lei Leung Bok Chau, un attore girovago che aveva appreso il Kung Fu dall’Abate Chi Sin, il quale dopo la sua fuga da Siu Lam si era rifugiato come cuoco su una delle barche che portavano in giro gli attori, conosciuta come la Giunca Rossa.Yim Wing Chun si innamorò di lui, finse di essere sconfitta facilmente e così i due si sposarono. Dopo il matrimonio però la ragazza rivelò la verità al marito ed in un nuovo combattimento gli dimostrò la grandezza dello stile che aveva appreso da Ng Mui e poi sviluppato ulteriormente per conto proprio.

Leung Bok Chau ne fu fortemente impressionato, oltre che sorpreso; volle che la moglie insegnasse anche a lui quelle tecniche ed in seguito la aiutò a codificare lo stile che ancora oggi porta il suo nome, il Wing Chun Kung Fu. Leung Bok Chau da parte sua portò nello stile l’uso delle armi, il bastone lungo da Sei Punti e Mezzo (Liu Dim Book) ed i Coltelli a Farfalla (Bart Cham Dao), che aveva appreso da Chi Sin. In seguito egli insegnò il Wing Chun a Leung Lan Kwai da questi gli insegnamenti furono trasmessi a Wong Wah Bo, da questi a Leung Yee Tei, il quale a sua volta li passò a Leung Jan, che era un famoso erborista di Fatshan. Costui portò a livello di massima perfezione le tecniche più avanzate dello stile, sviluppando in particolar modo la forma Biu Jee, e divenne molto famoso in quanto sconfisse molti Maestri che lo avevano sfidato. In seguito egli insegnò le sue tecniche a Chan Wah Shan, il quale in tutta la sua vita ebbe solo 5 studenti : Ng Siu Lo, Ng Chung So, Chan Yu Min, Lui Yu Jai e Yp Man.

Per conoscere le origini del Wing Chun Clicca Qui